CLICCA... su My poetry
                                    IL MIO ALBUM DI POESIE SU FACEBOOK !!
MY POETRY - "Percorsi dell'anima" - Poesia

CONTAMINAZIONI D' ARTE

copyright©2010 tutti i diritti riservati

 

FIESTA 065 di Gianfranco Martelli - particolare di un'opera del pittore V. Vecchi (tutti i diritti riservati)
FIESTA 065 di Gianfranco Martelli - particolare di un'opera del pittore V. Vecchi (tutti i diritti riservati)

Questo spazio è dedicato

alle poesie ispiratemi dalle opere d'Arte dei miei amici artisti.

Io le chiamo CONTAMINAZIONI...

Vivere  e assaporare emozioni attraverso i colori e la materia utilizzata nell'arte di un altro artista , è come compiere un viaggio davvero inaspettato!


Un giorno, presi la decisione di cominciare questa nuova esperienza di scrittura, e si rivelò per me, un modo inconsueto di esplorare la mia anima.


La mente umana  è incredibile! apre e chiude filles, si oppone o diversamente  spalanca le porte, per farvi entrare con forza la " luce", come su uno spaccato di una fenditura...


CHE AMO L'ARTE IN TUTTE LE SUE ESPRESSIONI, MI PARE MOLTO CHIARO!

Ma soprattutto amo l'Arte Moderna e Contemporanea.

La pittura INFORMALE è quella che maggiormente assomiglia ai "moti impetuosi"

del mio sentire la vita, e che caratterizza forse anche il mio modo di scrivere.

Il verso libero, senza condizionamenti di rime e metriche costrittive, l'emozione della libertà ( rime dalle quali sorprendendomi, mi sono felicemente liberata con atto di coraggio!). Io ritengo che ogni autore ha una propria musicalità interiore che lo contraddistingue dagli altri, e che emerge ancora prima del pensiero, ed è con questa sorta di alleanza, che si cavalcano le proprie utopie...senza avere la paura che si perda il senso della parola!


Eccomi allora, davanti alle opere degli altri, non per comunicare ma per ASCOLTARE

un diverso pensiero, incarnato nel silenzio, e da questo silenzio farmi attraversare  !      Di qui la parola,  si espande come in una sorta di via lattea, ...dando corpo e vita a improvvise idee, ricordi e scoperte.  Prima pensando ci fosse il " nulla",   poi invece, ritrovando cose da cui avevo da  tempo  preso congedo :  " l'Altrove",  scrigno del  silenzio,  -  ri-trovato -    diventa  " Dove...!".

 

                                                    

                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Rita  Mazzini 


* DEDICO i VERSI che seguono, AGLI ARTISTI e agli appassionati d'Arte DI PASSAGGIO SU QUESTO SITO! ...E se lo desiderate, lasciate un vostro saluto nel libro degli ospiti.

"Abstracta" diacromia n. 07- di G.Martelli e V.Vecchi
"Abstracta" diacromia n. 07- di G.Martelli e V.Vecchi

 

 

 

 

 

 

 

Non smette mai di pulsare

              la follia

           che smuove

     i colori dell’ anima.

 

             Emerge

    da spazi profondi

e in cerchi sempre più ampi

 

               risale

              la vita

 per farsi toccare con gli occhi.

 


 

 da "ACQUA NELL'ACQUA"

 Ibiskos Editrice Risolo- Empoli- (FI)

Premio "Il Golfo 2006"-La Spezia


 

All'amico Gianfranco Martelli: architetto di professione e grande fotografo di fatto!

da : I QUADERNI DI JANKO di Gianfranco Martelli  (c) tutti i diritti riservati
da : I QUADERNI DI JANKO di Gianfranco Martelli (c) tutti i diritti riservati

I  QUADERNI  DI  JANKO...                                                                   CLICCA SULLE FOTO

                                                                                            


http://picasaweb.google.com/g.mart43

Gianfranco Martelli
Gianfranco Martelli

 

 

 

RUGGINE

 

 

Quando segui il contorno delle cose

il loro peso riempie il vuoto

 

ma è del ricordo che ci si innamora

quando ciò che resta è il nulla!

 

Ogni atomo in fuga

solleva nell’aria il suo nudo lamento

ma se niente più combacia

ogni regola viene bandita :

 

non cercare da qui!

 

come se qualcosa

ancora germogliasse

pronto a succedere

dove ha inizio la fine

 

con beffarda leggerezza.

 

 

fotografia di Gianfranco Martelli
fotografia di Gianfranco Martelli

 

 

 

  ALLA SCULTURA

 


 

L’ANGELO DI PIETRA

                       

Acqua e scalpello, pazienti,

lavorano in me,

levigando il mio destino a poco a poco,

e come l’aria mi girano intorno,

sottraendo dalla perfetta dimora di un sogno,

ogni eco del tuo stupore.

 

C’è una verità,

che appare disciolta dentro la materia,

e che plasma il senso del mio mistero:

 

attraverso la bellezza,

attrae a sé le ombre

a cui tu appartieni,

 

ma il suo respiro,

 

è solo il confine

che segna il limite

di ciò che non vedi !

 

Osservala bene l’attesa

che si libera da tanta quiete,

 

perché mi viaggerà addosso,

leggera,

come una conchiglia vuota,

 

e prima che tu comprenda,

 

ti lascerà fuori

dalla porta del mondo…

 

fotografia di Gianfranco Martelli
fotografia di Gianfranco Martelli

 

 

 

SCORIE

 

Ascolta…

 

Un movimento

silenzioso

sospende

ogni cosa

al suo apparire.

 

Per un attimo,

 

puoi intravedere

il “senso” di tutto

 

      i d e a

 

cardine di purezza,

 

elegia del tempo

che si rivela

 

m  i  s  u   r   a

 

che

          s

             f

              o

                 g

                    l

                      i

                        a

L' I N F I N I T O . . .

 

 

 

 

  

                     ©copyright 2010 tutti i diritti riservati RITA MAZZINI per la poesia

                                                         e GIANFRANCO MARTELLI per la fotografia.

All'amico pittore Vittorio Vecchi, che considero uno dei più raffinati maestri nell'uso del colore e della materia!

particolare di tavolozza. V. Vecchi
particolare di tavolozza. V. Vecchi

CLICCA SULLE FOTO                                                                                www-vittoriovecchi.it

"Arcobaleni" - Poesia Vincitrice del Premio  "MOVIMENTO CULTURA E SOLIDARIETA'" 

BIENNALE DELLA POESIA DI VITERBO  "Lettera d'Argento" sez. "Cento Poeti per Cento Poesie" in collaborazione con la RAI (Radio Televisione italiana)

Interpretata dalle voci di teatro NANDO GAZZOLO e MARISA SOLINAS all'Antico Teatro Unione di (VT)

"Allegoria"- tecnica mista su legno (20x85) di V.VECCHI
"Allegoria"- tecnica mista su legno (20x85) di V.VECCHI

 

 

ARCOBALENI 

 

 

Un presagio di tempesta

disperde il volo delle rondini

e ovunque nell’ aria

scorre

come un fiume senza prigioni

un odore buono di terra

che sazia.

Primavera scopre i seni inumiditi

impalpabile e materna

e il suo latte screziato

sparge

con sussurri di pioggia e vento

che a malapena comprendiamo.

 

Per ogni goccia

lasciata cadere dal cielo

un’ anima senza paradiso

silenziosa

s’ abbandona lungo i vetri

alle finestre

e con dita trasparenti

disegna limpidissimi arabeschi

forse

rassegnati ad alfabeti

sconosciuti

che solo il tempo tradurrà.

 

Là, dove non ha misura il verbo

d’improvviso vanno a disfarsi le nubi

in semicerchi d’ acqua iridescente

e l ‘illusione si dilata stupefatta

in una forma che non resta

ma che ripete

per poco

il suo gioco

come un’ eco di luce

che divora

il suo spazio

e nel sole

s’ invola

sorridendo

per un alibi

di pace

che toglie il fiato.

 

 

"2021"reminescenze 4 tecnica mista su legno (20x50) di V.VECCHI
"2021"reminescenze 4 tecnica mista su legno (20x50) di V.VECCHI

 

*

Aria.

Sogno

che mi insegue!

Acerba voce,

incontenibile

e fresca,

slancio

di vento,

al margine

dei fossi

di smemorate

primavere…e poi silenzi,

che incorniciano le guance,

nell’istante

di un accadere

puro!

 

Solleva il mio sgomento

nel cerchio

del tuo pensiero! via,

dalle cose del mondo,

da questo caos

di giochi di prestigio,

e dalla mia incapacità

di scoprire l’ imbroglio!

 

Spingiti dall’orlo

del tuo Regno di Pace

verso il nostro,

e in un momento

d’ inconsueto capriccio,

sovrapponi

le infide verità di tutti,

alle menzogne rassicuranti

di ognuno,

 

- piegane l’ estremità -

 

e capovolgi il foglio

del tuo origami,

 

cosa cambia?

 

Non può esservi silenzio

dove regna < il mercato>

- né pace!-

se borsaiolo e guardia

difendono la stessa moneta…

 

 

 

 

                                                             ©copyright 2010 Rita Mazzini

 

 

 

 

 

 

 

 

"Le temps perdu" tecnica mista su legno (35X85) di V.VECCHI
"Le temps perdu" tecnica mista su legno (35X85) di V.VECCHI

TACCUINI DI VIAGGIO: paesaggi e solitudini

( i segni della Storia )

 

 

A intervalli,

vorticando da crinali solenni,

li vedi scivolare ( fuori da mondo )

nell’ occulto silenzio,

per riaffiorare un giorno,

dietro un arazzo di immagini

come ombre di cenere tangibili,

sospese,

senza alcuna gravità…

 

Pietre dilavate e mute,

galleggiano,

via da ogni peso terrestre,

lontano

da quella genesi

da cui presero forma

e spirito.

 

So, che ogni segno

portato da tanta quiete,

ebbe la sua tempesta…!

Acqua e fuoco,

           partoriti da infiniti respiri

           folli di veleno e di dolcezza,

           di pace

           e di gloria,

di sacrificio e desiderio.

 

In ogni uomo, vive il gesto

e l’ ombra

che fu di un altro,

e appesa, alla finestra del cuore,

vi dondola il sogno “del viaggio assoluto”,

 

talismano,

che difende questo presente,

salvando appena ciò che rimane

 

per un futuro regno di memorie.

        

                                                        

 

 

 

    da "ACQUA NELL'ACQUA"

 Ibiskos Editrice Risolo -Empoli- (FI)

 

 

 

 

 

 

                              D I A C R O M I E      

        da   "ABSTRACTA"  I quaderni di Janko  

    

OPERE ESEGUITE A 4 MANI  :   V. Vecchi e G.Martelli

                                                                                                                        > CLICCA SULLE FOTO

©copyright 2013 tutti i diritti riservati per la poesia a RITA MAZZINI  per le opere pittoriche VITTORIO VECCHI e per la fotografia GIANFRANCO MARTELLI 

Alla cara amica scultrice Paola Paganelli. Davvero unica, sa volare alto, oltre la rigidità e la banalità della materia !

CLICCA SULLE FOTO                                    SCULTURE IN FERRO DI PAOLA PAGANELLI

Amo girare per mostre e musei.

E' stato proprio in questo modo che un giorno mi trovai dentro la meravigliosa ROCCA

DI CENTO (Fe) per vedere su consiglio di amici la mostra della scultrice  PAOLA PAGANELLI  di cui spesso avevo sentito parlare in città , ma che non conoscevo.

Ricordo benissimo le emozioni di quel pomeriggio! Una gioia smisurata mi aveva pervasa, sentivo le pupille dilatarsi per l'emozione...Ero davanti a " meravigliose donne volanti" leggerissime! eppure costruite con il ferro...FINALMENTE UN'ARTISTA DONNA (ho pensato:::) "non decorativa"! ma CHE USAVA LA MATERIA COME UN UOMO!

E non c'era bisogno che qualche critico spiegasse il significato di quelle opere...solo una donna incredibile avrebbe potuto mettere un'anima a quelle creature di metallo!

Uscii dalla mostra con le lacrime agli occhi, per tutto quello che avevo visto e vissuto con intensità...e davvero la felicità era tanta. Escogitai  così un modo per ottenere la mail della scultrice, dovevo dirle a voce tutte le mie impressioni ed  esprimerle la mia stima,...e per farla breve, .... da allora ci frequentiamo e siamo diventate amiche! 

 


 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                    www.paolapaganelli.it

Paola Paganelli. www.paolapaganelli.it
Paola Paganelli. www.paolapaganelli.it

 

 

DONNE: nel cuore dell’enigma

 

C’è tutta una fauna di ombre

dintorno le strade,

con storie
da attraversare
tutte insieme

come una città,

 

e pensieri di donna
sul passo
della porta

pensieri
che scandiscono
un tempo

disincantato
e ignoto...

 

Donne,
dee
della stabilità
domestica,

femmine, 
come angeli
di inafferrabile
sostanza,

per qualche istante
disincarnate ai loro corpi,

sognano
un sorso
di eterna
libertà !

 
                                                                        ©Copyright 2010 Rita Mazzini

 

scultura in ferro di Paola Paganelli
scultura in ferro di Paola Paganelli

            DONNA

 

Donna                                                                         per tutte le donne                                                                                                                                                                        

dalla matrice
del tuo corpo,

vibra
una luce
di speranza,

 

bocciolo
fiorito,

sopra
sterili
deserti
di silenzio

e ripetute
attese …

 

 

E’ la “diversità

da sempre

munizione
che uccide...!

 

< Ma di cosa è debitrice una donna? >

 

 

                                           © copyright  2013 Rita Mazzini                                                                                                                                                        

 

 

©copyright 2010 tutti i diritti riservati RITA MAZZINI per la poesia e PAOLA PAGANELLI per le opere fotografate.

 

All'amico scultore Gianni Deserri (John x gli amici),che con incredibile sapienza mette in discussione i confini espressivi della materia con la complessità della figura umana.

Credo di ritenermi molto fortunata ad avere molti amici  con cui condividere emozioni ed esperienze arrtistiche.

John è un artista figurativo, ed è una di quelle persone con cui ho avuto filling fin dalle prime parole della nostra  reciproca conoscenza.

Per chi come me ama l'arte informale,l'astrattismo,l'itinerario concettuale a spiegare la visione tra il reale e il simbolico, ma con l'impulso dell'innafferrabilità oggettiva..(.il NON LUOGO su cui far gravitare e  idealmente incontrare il fluttuare delle emozioni tra artista che sperimenta e fruitore che si alimenta di nuova energia..) riesce (appunto) meno emozionante il rapporto con il linguaggio del figurativo...anche se ciò che vediamo,comprendo comunque che non è ciò che vediamo, ma "ciò che sentiamo"!...Bhe!, l'incontro con le opere di John, mi ha colto di sorpresa!... Egli ha spostato la visione della materia che usa, "smaterializzando la forma" per ricomporla pregna di significato, abbandonandosi ad un'idea da raccontare (ma mai sul filo della retorica).

Così, facendo visita al suo atelier, ho incontrato queste opere, su cui il mio occhio si è arenato come atollo dell'anima!

CLICCA SULLE FOTO                                                                          OPERE DI GIANNI DESERRI

 

                                                                                         www.gigiasculturamyblog.blogspot.com                                  

"Antigravitazionale" di G.DESERRI
"Antigravitazionale" di G.DESERRI

 

 

I GIOCHI DEL TEMPO

 

L'alito del tempo

sparisce tra le cose,

e noi dentro di esse

a comprenderne i valori.

Gioca il tempo

a raccogliere stupidi e geni,

sospesi a lottare

per cocci di vetro.

 

E il piede sul muro

aspetta ancora

l'appoggio della mano

per arrivare oltre.

 

 

 

                

   poesia estratta da "PERCORSO IN VERSO"  Edizioni Cartografica (-FE)

      *   premio" Niccolini 2003" 

         *   premio "Città di Fucecchio 2005" (Fi)Fonfaz. Indro Montanelli

"Incomunicabilità cieca" scultura in terracotta ingobbiata di G.DESERRI
"Incomunicabilità cieca" scultura in terracotta ingobbiata di G.DESERRI

 

 

 

 

 

NULLA E' CAMBIATO


 

Nulla è cambiato

se l'intolleranza

sacrificando il proprio Dio

 

perfeziona il suo delitto...

 

 


 

 

 

 

                                                   da " ACQUA NELL'ACQUA"

                                                         Ibiskos Editrice Risolo-Empoli-FI

"L'angelo della morte" di G.DESERRI
"L'angelo della morte" di G.DESERRI

 

 

LA GLORIA GIRA

 

Reclino il capo

sul più amaro ricordo...

La gloria gira

sul letto delle ombre.

Aurea la sua veste

bella la sua fronte,

alte le spalle

nel suo andare.

Chiudo l'imposta

ché m'ha trovata disarmata.

 

Stanotte

non ho pace

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da "PERCORSO INVERSO"

Edizioni Cartografica -FE

 


"Desaparecido" scultura in terra cotta e resina di G.Deserri
"Desaparecido" scultura in terra cotta e resina di G.Deserri

DESAPARECIDOS :

            

( corpi di nessuno )

 

Sentieri di sale attraversano l’oscurità

e corrodono il tempo:

lento olocausto

di attonite stelle randagie, senza peso,

che un amaro paradiso raccoglie.

 

Un mondo imperfetto scivola via,

adagio

si allontana,

nell’aria fredda di un incubo

che non ha rive,

dove corpi di nessuno cadono sui giorni,

uno dopo l’altro, come le foglie,

e ascoltano nel silenzio,

la pioggia tintinnare,

sulle palpebre chiuse e ancora sbigottite;

 

desaparecidos (sinistramente sepolti),

di cui l’umanità ha perso il conto,

e come orditi vermigli e consunti,

ha gettato in un limbo irreale.

 

Quando pensieri di follia

si mischiano alla ragione,

infinite ombre di neve

rimboccano i sogni di Dio,

allora il respiro della Terra,

tra rinnegamenti e penitenze,

muore dietro ogni bugia...

Ma è con un’ombra soltanto,

che la morte annienta, senza ritorno,

e nel tormento,

anestetizza la parola di chi, col cuore,

contempla tappeti di fiori,

di rosso sangue vestiti,

su cui giace il ricordo

di un ideale,

rimasto senza voce…

 

Per ogni ascensione celeste,

una madre cammina sulle ginocchia,

e il vuoto che tiene nel petto,

non conosce intervalli di pace:

 

nessuna illusione

si aggrappa alla memoria,

quando il nero peso dell’assenza,

è la più disperata

delle solitudini.

 

.                                                                                                               

 

                                           Pubblicata sulla rivista di cultura "L'IPPOGRIFO"                                                                       ©copyright tutti i diritti riservati Rita Mazzini

 

 

  

©copyright 2013  tutti i diritti riservati per la poesia a RITA MAZZINI e per le opere fotografate a GIANNI DESERRI

All'amico Dino Marsan, artista veramente poliedrico, e talentuoso creativo di immagini dalla forte funzione espressivo-emotiva e metalinguistica.

CLICCA PER VEDERE IL VIDEO                                   AUTORE :   DINO MARSAN

                                                                                     www.marsandino.altervista.org

CLICCA SULLE FOTO                                                                                      www.impulsesart.it

"Computer" opera di Dino Marsan
"Computer" opera di Dino Marsan

[ CLICCA ] PER APRIRE…

 

 

Da un vuoto indecifrato,

magma originario astratto,

il tempo si tende

elastico,

verso il bagliore di un altare

- portatile-

pronto ad aprire [ CLICCANDO]

 

l’orifizio del mondo!

 

Liberato dal caos dei movimenti,

con un colpo di fuoco

sparato nello spazio,

debutta il “verbo

dei nuovi eroi mortali,

creatori metropolitani

della grande catena dell’ “io” !

 

Generazioni,

guidarono stolidi veggenti,

nati nella quarta luna,

soffocando l’embrione folle

di ogni parola moderna :

 

ma morbidi baci

riservano ancora le labbra dell’anima,

alle ordinate gerarchie della dottrina!

 

Proiettato verso l’ignoto,

il verbo si contorce,

muta nella luce,

e di nuovo si congeda,

poiché - essere nel tempo -

è un continuo nascere alle stagioni,

sommatoria di attimi,

del nostro fragile andare…

 

Ed è aurora forse,

che nulla rivela

nell’attesa,

 

se non l’ascolto di un appello

che il linguaggio gli rivolge.

 

[CLICCA PER USCIRE]                                         ©Copyright Rita Mazzini

 

"Clonation" opera di DINO MARSAN
"Clonation" opera di DINO MARSAN

LIBERA

 

 

Un giorno lo so,

fissando l’ orizzonte del buio

dovrò chiudere gli occhi.

Un gesto semplice,

ma rilevante,

come lo era stato

aprirli

la prima volta nascendo,

cercando la luce.

 

Malata di immortalità,

addosso mi porto la follia

di sentirmi libera

 

ma sono libera soltanto,

di sapermi fragile

 

come la vita .

 

 

 

   poesie estrapolate da  " ACQUA nell'ACQUA" Ibiskos Edizioni Risolo- (Empoli-FI)

Autore DINO MARSAN
Autore DINO MARSAN

MI FARO’ TERRA

 

 

Terra

di acqua e di pane,

latte d’ amore

che sfama.

Terra

di miele e di sale,

ventre rotondo

maestoso e liscio.

Madre

del sorriso di un figlio,

che al di là della luce

mi scelse

e mi amò,

perché oltre se stesso,

egli, vide per primo

attraverso i suoi occhi,

il principio puro

di un sogno,

 

trasparente anelito

che sbalordisce la vita…

 

"Holocaust2" opera di DINO MARSAN
"Holocaust2" opera di DINO MARSAN

IL COLORE DEL SANGUE

 

 

Il colore del sangue

ha voce

e respiro

non muore mai

nelle mani della terra

ma forgia

come ardente utensile

il pensiero dell’ uomo.

 

Eppure, il corpo

si affida all’ anima

per giungere a Dio

 

ma nell’ aria

nulla ci avverte

dell’ avvenuto mutamento…

 

"Hell" opera di DINO MARSAN
"Hell" opera di DINO MARSAN

Da dove vieni

voce dell’ affanno,

 

da quale regno?

 

Fuoco che attraversi le ombre

scagliato chissà da quale infida mano,

 

sterile

sentimento del niente.

 

E cerchi da me, la tua eternità ?

 

"Identity" opera di DINO MARSAN
"Identity" opera di DINO MARSAN

 

 

 

ATOMI IN FUGA

 

 

Quante

storie

il tempo

assicura

ad ogni

cosa...!

 

Siamo

fiori

senza

radici

 

semi

celesti

 

cresciuti

in grembo

all' universo

 

atomi

in fuga

 

rassegnati

a sconosciute

lontananze

 

che l'eterno

disperde...

 

                                                                                                          

                                                                                                           Rita Mazzini

  

©Copyright 2010 tutti i diritti riservati RITA MAZZINI per le poesie e DINO MARSAN per le immagini

All'amico fotografo Beppe Bolchi (che io chiamo il "mago della Polaroid") incredibile artista, capace di risvegliare le energie e le curiosità assopite di chiunque,

con scatti fotografici, che si sviluppano per la ricerca e la sperimentazione, su una diversità di supporti e tecniche esplicitamente legate all'arte contemporanea.

                                                                                                                            CLICCA SULLE FOTO                                                                            

                                                                                                                            www.farefotografie.it

IL RESPIRO CHE VIAGGIA…

                                                                                                      alla gente del Po

                                                                                                       in memoriam

Una mano reggeva il cielo

poi, lo capovolse nel fango.

 

Allora, si videro albe

traghettate via dal dolore,

nubi attonite sporcate di sangue

e sopra le carcasse delle case,

ampie lenzuola di melma

si distesero

a custodire per sempre la dignità delle lacrime.

Il fiume inclemente macinava morte,

consumando la sua fame adagio,

unico padrone della propria verità.

 

Ma nel giorno dopo la morte,

la gente del Po, si è risvegliata,

ed è tornata a vivere …

 

Su questi argini alti

e dintorno nei campi,

tutto si dissolve

e continuamente tutto diviene

forma” - dai netti contorni –

e colore - che si agita

nel gioco delle luci e delle ombre, così

ogni cosa si riconosce,

e afferma con decisione

la propria differenza,

la propria vita,

anche se l’ acqua, annulla

l’ acqua

che passa,

e verso il mare, il fiume la sospinge …

 

Frammenti di sassi si disfano adagio

e sciolgono il tempo.

L’ acqua, che annulla l’ acqua,

è memoria che non dimentica,

e s’ accumula

come sabbia

nel letto del fiume.

Io vengo qui, ad ascoltarne il suono,

ad imparare le note

che mutano di stagione in stagione,

e respiro,

il respiro che viaggia

sopra generazioni di parole,

e libero s’ allontana

in mulinelli di silenzi.

 

 

 

 

 

 

"Stienta (Ro) - Il ritorno del pescatore. - di B.BOLCHI
"Stienta (Ro) - Il ritorno del pescatore. - di B.BOLCHI

 

 

 

ESILIO SUL PO

 

 

L'ultimo fruscio del pioppo

addormenta l'aria

a questi giorni pieghevoli;

fogli ingialliti e spogliati d'autunno

in sequenza di pallida clorofilla.

 

L'ultimo bacio vaga in esilio, ancora

riflette il tuo profilo

sul nostro fiume

e in sguiscianti piccole onde

s'arresta il moto che fugge la riva maestra.

Sei lingua che tagliò l'acqua,

ansa luccicante senza regole

che mozzò il fiato alla terra,

e s'allontana ogni giorno un poco

da questo luogo leggero di fronde

ancorate alla melma,

 

per esistere,

dove l'imbrunire inquieto

da dietro un pontile di barche

trascolora il cielo

e muto

l'abbandona...

 

"Delta del PO" autore B.BOLCHI
"Delta del PO" autore B.BOLCHI

 

I SEGRETI CHE L’ ACQUA NON DICE

 

 

 

C’ è un arco vertiginoso nel cielo!…

come un abbraccio

che s’ allarga d’ improvviso,

quando il mare aperto all’ infinito

inghiotte ogni cosa.

Dolcemente il fiume vi entra,

e fedele alla sua natura,

nasconde segreti

che l’ acqua non dice.

 

Oltre le dune di pallida sabbia,

l’ eterno sorriso dell’ alba sfiora

la scia della luna,

e solo l’ onda d’ argento

vi si infrange struggente,

per una strana malia

che la rende, troppo simile a Dio !

 

Acqua, che si perde dentro la corrente

e poi ritorna, in una languida stretta

che sfianca impudica la rena.

Amante, che vince l’ amata

e in silenzio s’ allontana,

incapace d’ ogni pentimento

 

e di qualsiasi perdono…

 

 

 

 

 

 

 

"Delta del PO" di B.BOLCHI
"Delta del PO" di B.BOLCHI

 

 

 

QUADRO D’ AUTUNNO

 

 

Tra i rami del Delta,

uno strano chiarore

avvolge i sogni delle ninfee.

 

Quadro d’ autunno,

falso paradiso

che un frammento di quiete

ha strappato al cielo.

 

Segreta e muta

l’ ombra dei pioppi

giace

dentro la sterpaglia cenerina,

ed una luce

abbraccia,

di sconosciuta dolcezza,

che il cuore appaga

come un primo bacio.

 

So, come si adagia la mente

sulla terra scura,

sfiorando il verde e l’ ocra

che langue sulla foglia,

è lì,

che la mia anima

pallida si perde,

 

perché andar via

come fa l’ estate,

è talento di pochi…

 

 

 

 

 

 


 

"Rannicchiata"di B.BOLCHI emulsione di Polaroid in acqua
"Rannicchiata"di B.BOLCHI emulsione di Polaroid in acqua

NUDA

 

 

Nuda

come la mano

spogliata del suo anello.

 

Rialzalo il mio corpo,

con la forza del tuo perdono,

che troppe volte ho creduto

di vedere il cielo!

 

 

 

 

 

 Poesie  tratte da : "ACQUA NELL'ACQUA" (Premio IL GOLFO 2006 ) La Spezia    

Ibiskos Editrice Risolo (Empoli-FI)

 

 

©Copyright tutti i diritti sono riservati per la poesia a RITA MAZZINI e per la fotografia a BEPPE BOLCHI

Tutte le immagini e le poesie sono coperte da copyright. Le immagini sono state gentilmente concesse per questa pagina a Rita Mazzini dai rispettivi autori e proprietari.

******************************************

Il tuo sito senza pubblicità?

Con JimdoPro e JimdoBusiness!